Cristina M. Russo

TESTO E REGIA PER LA RASSEGNA “TERRA’ nnaMURATA”.
Cristina Maria Russo nasce a Roma un venerdì di un anno bisestile. E gli anni bisestili tracciano il percorso della sua esistenza, dal primo giorno di scuola alla laurea in Scienze Biologiche, dalla specializzazione in Patologia generale alla pubblicazione del suo primo romanzo, FOTOROMANZI (HomoScrivens 2016).

Adolescente, nemmeno sedicenne, esordisce in un reading con alcuni suoi brani al caffè letterario Fassi di Roma raccogliendo applausi e consensi.

Ma è solo nel 2007 che si iscrive ad un corso di scrittura, La linea scritta di Antonella Cilento, per acquisire le prime tecniche.
Successivamente frequenta, per diversi anni, il laboratorio di scrittura creativa Homo Scrivens, nel 2013 L’isola delle voci di Nando Vitali e, infine, dal 2014 al 2019 il laboratorio di scrittura drammaturgica di Lucia Stefanelli Cervelli.

Dopo aver pubblicato numerosi racconti in antologie tematiche, e partecipato alla compilazione dell’Enciclopedia degli scrittori inesistenti (Boopen Led 2009) dove, tra gli altri, presenta Adamo come primo scrittore dell’Umanità, compone romanzi collettivi come Se mi lasci non male (Kairòs 2010), La vera bellezza (Boopen2010), Codice clochard (Photocity 2011).
Nel 2011 pubblica la favola didattica Il Regno di Giustopeso (Boopen Led 2011), classificata al secondo posto nella sezione Favole al concorso “Granelli di parole” e messa in scena, nello stesso anno, dagli attori dell’Associazione Culturale Nartea presso La Feltrinelli di Napoli in Piazza dei Martiri, in un evento dedicato ai bambini.
Con i suoi racconti vince il primo premio nel 2010 e nel 2011 al Concorso letterario internazionale “Donne ieri, oggi, domani”.
Nel 2012 scrive racconti per l’antologia Immaginapoli (Photocity 2012) e partecipa anche alla nuova edizione dell’Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (Homo Scrivens 2012).
Nel 2016 esordisce come attrice e compositrice all’interno della rassegna teatrale “Incontri” a Palma Campania con Lucia Stefanelli Cervelli.
Nel 2018 un suo corto teatrale “Angeli e Demoni” viene rappresentato al Teatro Tordinona di Roma e scrive e dirige lo spettacolo teatrale “La busta gialla e la bianca” per il Settimo Festival delle Corti.
Per la rassegna “TERRA’ nnaMURATA”, Arienzo e il suo Giacomo Furia, scrive e dirige uno spettacolo per tre serate sulla vita e la carriera di Giacomo Furia.